Votazione federale del 28 febbraio 2016

PD comunicato stampa 1.03.2016

Appello urgente alle cittadine e ai cittadini svizzeri

Il 28 febbraio 2016 NO all’iniziativa disumana dell’UDC!

Lanciamo un urgente

 L’«iniziativa per l’attuazione» dell’UDC compromette lo Stato di diritto

Già oggi una persona straniera che viola il codice penale rischia di essere espulsa dalla Svizzera. Tuttavia, come tutti i cittadini di uno Stato di diritto, gli stranieri hanno il diritto di essere sentiti prima che venga pronunciata una sanzione contro di loro. Hanno inoltre il diritto di sottoporre a verifica la proporzionalità della sanzione. Se l’«iniziativa per l’attuazione» sarà adottata, questi diritti verranno meno e lo Stato di diritto sarà compromesso.itto

 L’«iniziativa per l’attuazione» viola la separazione dei poteri

I tribunali svizzeri hanno il compito di giudicare tutti gli autori di un reato in modo equo e conformemente all’entità della loro colpa. Data la separazione dei poteri, la giurisprudenza deve restare indipendente. Non può essere strumentalizzata a fini politici. L’«iniziativa per l’attuazione» intende costringere i tribunali a pronunciare espulsioni automatiche, senza esame dei casi individuali. In tal modo l’UDC distrugge l’indipendenza dei tribunali e abolisce la separazione dei poteri.

 L’«iniziativa per l’attuazione» calpesta i diritti umani

L’«iniziativa per l’attuazione» mira a iscrivere l’automatismo delle espulsioni nella Costituzione federale, benché un simile meccanismo sia contrario ai diritti umani e ai principi dello Stato di diritto sanciti dalla stessa Costituzione. Le nuove disposizioni dell’iniziativa dell’UDC prevarrebbero addirittura sul diritto internazionale che la Svizzera si è impegnata a rispettare in appositi trattati. Ignorando gli insegnamenti del 20° secolo, l’«iniziativa per l’attuazione» si oppone alla Convenzione europea dei diritti dell’uomo e rimette in questione le garanzie in materia di diritti dell’uomo.

 L’«iniziativa per l’attuazione»  attacca le secondas e i secondos

Numerose persone che sono cresciute in Svizzera, che qui vanno a scuola, apprendono un mestiere, studiano e lavorano, si distinguono dalle cittadine e dai cittadini svizzeri solo per il fatto di non possedere la nostra nazionalità. L’«iniziativa per l’attuazione» sottomette i cosiddetti secondos a un diritto speciale. Anche i secondos ben integrati verrebbero allontanati dalla famiglia e dagli amici per un reato minore, dato che l’iniziativa prevede il rinvio nel Paese dei loro avi se nei dieci anni precedenti sono già stati condannati a una pena pecuniaria, indipendentemente dal fatto che conoscano tale Paese o ne parlino la lingua.

 L’«iniziativa per l’attuazione» è una barbarie

L’«iniziativa per l’attuazione» stabilisce distinzioni tra le persone unicamente sulla base del passaporto e non della situazione personale. È una barbarie. Chiunque in Svizzera voglia difendere la giustizia e l’uguaglianza di fronte alla legge, chiunque voglia vivere e lavorare all’insegna della libertà e della comunanza con le cittadine e i cittadini di altri Paesi, chiunque consideri la Svizzera come parte del mondo civilizzato, non potrà che votare contro l’«iniziativa per l’attuazione».

 Appello urgente alle Svizzere e agli Svizzeri

Appello a tutte le Svizzere e a tutti gli Svizzeri – a tutte le cittadine e tutti i cittadini responsabili e consapevoli di appartenere alla società civile svizzera –, affinché combattano l’«iniziativa per l’attuazione» dell’UDC. Il 28 febbraio 2016 dovremo vincere, «consci che libero è soltanto chi usa della sua libertà e che la forza di un popolo si commisura al benessere dei più deboli dei suoi membri», come recita la Costituzione federale.

 La Svizzera deve restare uno Stato di diritto!

 

Comites- conferenza ESPULSIONE 16 febbraio 2016